Convenzione fra Comune di Bologna e Fondazione Teatro Comunale per la definizione di linee di lavoro condivise per ii periodo 2019-2021

Premesso:

 

-  che ii D.Lgs. n. 367 del 29 giugno 1996 ha dato avvio al processo di trasformazione degli enti di prioritario interesse nazionale operanti nel settore musicale, inclusi gli enti autonomi lirici e le istituzioni concertistiche assimilate di cui al titolo II della legge 14 agosto 1967,

n. 800, in Fondazioni di diritto privato;

 

-  che ii processo di trasformazione ha riguardato, fra gli altri, l'Ente lirico "Teatro Comunale di Bologna" che nel 1998 e stato trasformato nella  "Fondazione  Teatro  Comunale  di  Bologna" con  soci fondatori

necessari Stato, Regione Emilia Romagna e Comune di Bologna:

 

-  che come previsto dall'art. 17 del citato D.Lgs. 367/96, in sede di disciplina della trasformazione degli enti lirici in fondazioni lirico­ sinfoniche, ii Comune di Bologna ha messo a disposizione della Fondazione lo storico immobile, sito in Largo Respighi 1, gia in precedenza in dotazione all'Ente lirico Teatro Comunale e sede dell'omonimo Teatro:

-    che con determinazione dirigenziale P. G. n. 105958/2009 ii Comune di Bologna ha approvato ii testo della convenzione (rep. n. 207238 del 5 maggio 2009) con la Fondazione Teatro Comunale di Bologna (convenzione successivamente prorogata al 31.12.2014, con atto P.G. n. 333476/2013), nella quale ii Comune ha definito, ai sensi dell'art. 6, comma 3, del D. L.gs. n. 367/1996 e dell'art. 12,


 

comma 6, dello Statuto de!la Fondazione, ii proprio apporto al patrimonio della Fondazione;

-  che in data 10 dicembre 2014 ii Consiglio di Amministrazione ha approvato ii nuovo Statuto della Fondazione, nel quale sono state recepite  le  modifiche  normative  via  via  intervenute,  riguardanti

principalmente ii riassetto della governance e l'adozione di piani di risanamento finanziari; ii nuovo statuto della Fondazione e stato approvato, in data del 20 dicembre 2014, con decreto del Ministro

per i Beni e le Attivita culturali, di concerto con ii Ministro del Tesoro;

 

-  che con deliberazione consiliare O.d.G. n. 252 del 26 giugno 2017,

 

P.G. n. 207628/2017, ii Comune di Bologna ha approvato gli elementi essenziali di una convenzione, da stipulare con la Fondazione Teatro Comunale concernente, i seguenti punti:

definizione di linee di lavoro condivise per rafforzare l'impegno del Teatro verso la citta;

obbligo, da parte de!la Fondazione, di provvedere agli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria necessari al mantenimento della funzionalita dello storico edificio sede del Teatro, in via Largo Respighi 1;

rilascio (entro 30/06/2017) degli immobili costituenti affittanze passive per ii Comune di Bologna, ovvero i localidi viale Roma n. 21, voltura del contratto di locazione del Magazzino Scenografie sito a Granarolo Emilia in via Matteucci n. 15 dal Comune di Bologna alla Fondazione, conferma delle altre pattuizioni concernenti in particolare ii comodato d'uso di altri beni di proprieta del Comune di


 

Bologna; Accertato :

-   che la Fondazione, come previsto dallo Statute, persegue, senza scopo di lucro e quindi con divieto di distribuzione di utili o di altre attivita patrimoniali, la diffusione e lo sviluppo dell'arte musicale e della conoscenza della  musica, del teatro lirico e della  danza, la formazione professiona le dei quadri artistici e tecnici e l'educazione musicale della collettivita.

-   che la Fondazione intende consolidare la propria posizione come eccellenza culturale, nella direzione di una piu decisa apertura verso la citta, tesa a consolidare legami e rapporti, nonche ad estendere la frontiera del pubblico;

-   che hanno avuto luogo gli adempimenti attinenti alla gestione del patrimonio immobiliare, secondo le prescrizioni  della deliberazione consiliare P.G. n. 207628/2017, e precisamente:

e stato rilasciato ii locale di viale Roma n. 21;

e stato volturato ii Contratto di locazione del Magazzino Scenografie sito a Granarolo Emilia in via Matteucci n. 15 dal Comune di Bologna alla Fondazione;

e stata conferita in proprieta alla Fondazione un'ulteriore porzione dell'immobile di via Oberdan 24 situata a P.T.;

- che occorre dare attuazione alla piu volte richiamata deliberazione consiliare P.G. n. 207628/2017, e stipulare con  la "Fondazione Teatro Comunale di Bologna" una convenzione che ne recepisca le statuizioni;


 

- con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, in attuazione della citata deliberazione consiliare P.G. n. 207628/2017

tra

 

ii Comune di Bologna (c.f. 01232710374) - Dipartimento Cultura e Promozione della Citta, per ii quale interviene ii Capo Dipartimento, ing. Osvaldo Panaro, domiciliato per la carica in Bologna, Piazza Maggiore 6 (di seguito anche "Comune")

e

 

la Fondazione Teatro Comunale di Bologna, con sede in Bologna, Largo Respighi n. 1, in persona del Sovrintendente Fulvio Adamo Macciardi, domiciliato per la carica in Bologna, Largo Respighi  n.  1 (di seguito anche "Fondazione")

congiuntamente di seguito anche "le Parti" si conviene e si stipula quanta segue.

Art. 1 - DURATA DELLA CONVENZIONE

 

La presente convenzione ha validita dalla data di sottoscrizione sino al 31.12.2021 ed e rinnovabile per accordo espresso tra le parti.

Art. 2 - ATTIVITA E IMPEGNI DELLA FONDAZIONE

 

La Fondazione, nel perseguimento dei propri scopi statutari e con particolare riferimento al territorio bolognese, si impegna a: programmare, produrre e promuovere una Stagione Lirica, di Danza e Sinfonica di alto profilo qualitativo che sappia interpretare ii nuovo e piCJ moderno ruolo della fondazione lirico-sinfonica;

promuovere la conoscenza e la diffusione della musica attraverso


 

specifiche iniziative che siano in grado di ampliare ii pubblico del Teatro Comunale, con specifica attenzione ai giovani, agli studenti ed agli anziani, anche in collaborazione con le iniziative promosse dal Comune nonche con le Associazioni cittadine che operano nel campo della musica contemporanea e di ricerca;

porre in atto azioni di conservazione , valorizzazione e conoscenza del patrimonio del Teatro, da considerarsi parte integrante del patrimonio della citta, e da interpretare alla luce di una funzione produttiva che ii Teatro svolge e che si esprime non solo nella "messa in scena" di spettacoli, ma anche in una produzione artistica che coinvolge e attraversa molteplici forme espressive quali la musica, ii canto, la danza, la produzione scenografica, la produzione grafica e pittorica, la realizzazione di costumi, l'arte e la tecnica del trucco teatrale;

potenziare le attivita didattiche rivolte alle scuole di ogni ordine e grado attraverso progetti e percorsi di visione finalizzati all'utilizzo dei mezzi e dei linguaggi della lirica, della musica e della danza, nella consapevolezza che lo sviluppo e la formazione del pubblico siano la condizione essenziale per lo sviluppo di qualsiasi progetto culturale che ambisca ad un orizzonte di medio-lungo periodo;

collaborare con le istituzioni formative bolognesi e fra queste ii Conservatorio Musicale G.B. Martini, l'Universita degli Studi Alma Mater Studiorum e l'Accademia di Belle Arti per valorizzare i nuovi talenti artistici in campo musicale, registico e scenografico ed elevare il livello diffuse di conoscenza in questi campi;


 

favorire la formazione professionale dei quadri artistici e tecnici, con particolare riferimento alla conduzione del!a Scuola dell'Opera del Teatro Comunale di Bologna, che ha l'obiettivo di formare figure altamente specialistiche destinate a tramandare lo stile italiano nella realizzazione dell'Opera Lirica;

favorire la divulgazione delle produzioni, anche utilizzando spazi non tradizionali che permettano, eventualmente, ii prolungamento della cd "stagione teatrale" ed una permeabilita della produzione del teatro verso altri ambienti e pubblici cittadini ed extra-cittadini;

partecipare attivamente alle attivita culturali estive promosse dal Comune di Bologna;

condividere con ii Comune di Bologna obiettivi ed impegni legati ad una riqualificazione degli spazi del Teatro principalmente finalizzata a promuovere la costante apertura del teatro alla citta;

sviluppare un rapporto di interazione con gli altri teatri cittadini e le altre istituzioni culturali, in maniera coordinata con le politiche culturali del Comune di Bologna;

perseguire la circuitazione delle produzioni del Teatro Comunale nei teatri della Regione e svilupparla fino a raggiungere forme di programmazione comuni e coproduzioni sull'esempio dell'accordo di coproduzione siglato, per ii triennio 2007-2019, con ii Teatro Regio di Parma per la realizzazione del Festival Verdi;

valorizzare ed accrescere la collaborazione con altre istituzioni musicali a livel!o nazionale ed internazionale;

contribuire alla promozione della cultura, della attivita, dei prodotti e


 

del territorio cittadini in occasione delle tournee nazionali ed internazionali del Teatro mediante, anche, collaborazioni e sinergie con le istituzioni della citta;

collaborare con ii Museo della Musica del Comune di Bologna, a cui e stata affidata la conservazione e  la gestione dell'archivio storico della   Fondazione,   al  fine   di   promuovere   un'azione   comune   di

valorizzazione, in continuita con ii rapporto in essere;

 

coordinarsi con le iniziative che altre istituzioni porranno in essere per la valorizzazione della zona nella quale ii Teatro Comunale e ubicato,    con    particolare    riferimento    al    progetto    R.O.C.K.

(Regeneration and Optimization of Cultural heritage in creative and Knowledge cities), importante progetto europeo di cui ii Comune di

Bologna  e capofila,  che  si  propane di  rigenerare,  attraverso  nuovi

processi ambientali, sociali, economici e sostenibili, ii comparto urbano intorno a via Zamboni;

prestare la propria collaborazione per eventi, manifestazioni o progetti promossi dal Comune in ambito musicale, attraverso la messa a disposizione di spazi e servizi da concordare, con particolare riferimento a progetti rivolti a fasce di pubblico ben individuate e campagne di promozione a favore dell'intero sistema teatrale bolognese;

farsi ambasciatrice, nel mondo, della Citta Metropolitana di Bologna. Art.  3  -  SOSTEGNO                        DEL  COMUNE  ALLE  ATTIVITA  DELLA FONDAZIONE

II  Comune  di  Bologna  s1  1mpegna  a  sostenere  le  attivita  della


 

Fondazione, coerenti con quanta esplicitato al precedente art. 2, attraverso un contribute annuo a copertura delle spese di gestione

("contribute ordinario").

Per gli esercizi 2019, 2020, 2021 ii contribute annuo ordinario e pari ad euro 2.500.000,00 (euro duemilioniecinquecentomila/00).

II contributo suddetto include ii finanziamento delle attivita estive che saranno da definire, di comune accordo, per ogni annualita  di vigenza della presente convenzione.

II contribute ordinario potra essere aumentato, compatibilmente con le disponibilita di bilancio del Comune, a fronte del programma di attivita artistica, di anno in anno realizzato dalla Fondazione.

Con la Fondazione potranno essere assunti accordi per ii finanziamento di eventuali specifiche attivita per le quali necessitano forme particolari di sostegno.

ll contributo annuo alla gestione della Fondazione sara corrisposto in un'unica soluzione entro il mese di gennaio di ciascun anno.

Art. 4 - INFORMAZIONE

 

La Fondazione, entro 30 giorni dall'avvenuta approvazione, trasmette al Comune ii bilancio di previsione annuale e la relazione sull'attivita artistica prevista nell'anno di riferimento, inclusa l'attivita estiva.

La Fondazione trasmette, inoltre, al Comune ii consuntivo dell'attivita artistica e ii bilancio d'esercizio, entro 30 giorni dalla loro approvazione. La Fondazione si impegna a fornire al Comune tutti i dati che verranno richiesti nell'ambito dell'attivita di monitoraggio che ii Comune svolge sul sistema teatrale cittadino.


 

ART. 5 - CONFERIMENTI PATRIMONIAL!

 

Le parti danno atto che, oltre all'immobile costituente  la storica sede del Teatro  Comunale (Largo  Respighi  1),  risultano  gia  conferiti  alla Fondazione,        per                          l'espletamento               delle     sue    funzioni     e    per    la realizzazione delle attivita di cui all'art.2, i seguenti immobili: Auditorium Teatro Manzoni, sito in via de Monari n. 1/2;

Immobile adibito a laboratorio scenografie in via dell'lndustria n. 8 a Bologna;

Terreno edificabile sito in via Ca dell'Orbo - Comune di Castenaso; Immobile di via Oberdan, 24 denominate Casa de Buoi.

ART. 6 - IMMOBILI E SPAZI CONCESSI IN COMODATO D'USO

 

II Comune concede in comodato d'uso gratuito alla Fondazione, per l'espletamento delle sue funzioni e per la realizzazione delle attivita di cui all'art.2, i seguenti immobili:

edificio deposito, sito in via dell'lndustria n. 2: porzione assegnata alla Fondazione all'interno del complesso immobiliare di proprieta del Comune, destinata a magazzino dei costumi;

area parcheggio via Paolo Fabbri n.110, di proprieta del Comune, da destinare a parcheggio degli autoveicoli dei dipendenti e dei mezzi di servizio della Fondazione.

I  contratti di comodato d'uso saranno perfezionati a cura del competente Settore del Comune di Bologna.

Tutte le spese e tasse relative alla formalizzazione dei contratti sono a carico della Fondazione.

II     Comune potra revocare la concessione di uno o piu degli immobili


 

sopra indicati per gravi ragioni di pubblico interesse dandone comunicazione alla Fondazione con un termine di preavviso di almeno 6 mesi.

In tal caso ii Comune si impegna ad individuare strutture con caratteristiche analoghe (quanta a dimensioni, volumi, attrezzature specifiche, spazi di servizio ed accessori) idonee a consentire la prosecuzione della attivita della Fondazione e messe a disposizione alle medesime condizioni dei contratti cessati per effetto di revoca.

La Fondazione utilizza gli immobili per lo svolgimento delle  proprie attivita nell'ambito e nell'osservanza del proprio statute e delle norme regolanti l'attivita delle Fondazioni lirico-sinfoniche.

La Fondazione si fara carico di tutte le utenze e di tutti gli oneri, compresi quelli di natura tributaria, connessi allo svolgimento della propria attivita e all'utilizzo degli immobili.

ART. 7  - UTILIZZO DEGLI IMMOBILI DA PARTE DEL COMUNE

 

II Comune si riserva la possibilita di utilizzare gratuitamente gli spazi assegnati in uso alla Fondazione, a fronte del pagamento delle sole spese vive, con congruo preavviso e compatibilmente con gli impegni produttivi e del cartellone, al fine di ospitare particolari manifestazioni e spettacoli, nei limiti previsti da regolamenti interni e/o fini statutari, nel modo seguente:

-  !'Auditorium Teatro Manzoni, annualmente per n. 7 giornate;

 

-  ii Teatro Comunale, annualmente per n. 3 giornate .

 

La Fondazione fornira tempestivamente un preventive di spesa per ii rimborso  di  tali  oneri  secondo  ii tariffario  ufficiale  da  inviare  al


 

Comune.

 

ART. 8 -MANUTENZIONE E RIQUALIFICAZIONE DEGLI IMMOBILI

 

La Fondazione si fara carico della manutenzione ordinaria degli immobili concessi in comodato d'uso secondo le disposizioni previste dalle norme civiliste per i rispettivi contratti.

La Fondazione si fara carico della manutenzione ordinaria e della manutenzione straordinaria, necessaria al mantenimento delle attua!i condizioni di conservazione e di funzionalita dell'immobile Teatro Comunale.

Nel caso di interventi manutentivi urgenti, rientranti nella competenza del Comune, la Fondazione ne dara immediata comunicazione al Comune stesso e, laddove non ricevesse risposta entro 10 giorni lavorativi, potra procedere agli interventi limitatamente alle sole opere provvisionali necessarie per la messa in sicurezza, a condizione che ii mancato intervento da parte del Comune, nei tempi richiesti, impedisca la fruizione degli spazi oggetto della presente convenzione.

Le eventuali migliorie ed addizioni apportate dalla Fondazione agli irnrnobili, nonche ai loro irnpianti ed attrezzature tecnologiche rimarranno di proprieta del Comune.

In considerazione dell'importanza e della complessita dell'edificio storico in cui e ospitato ii Teatro Comunale, ii Comune, compatibilmente con la disponibilita di risorse dedicate, s'impegna a

valutare, in accordo con la Fondazione, progetti di riqualificazione del Teatro Comunale nell'ottica degli obiettivi strategici di rigenerazione


urbana dell'area in cui e collocate.

ART. 9 - RESPONSABILITA' DELLA FONDAZIONE-COPERTURA ASSICURATIVA

La Fondazione assume la qualita di custode degli immobili ricevuti in comodato d'uso, ai sensi dell'art. 2051 c.c., tenendo perci6 sollevato ed indenne ii Comune da qualsiasi pretesa o richiesta di risarcimento.

La Fondazione assume ogni responsabilita in relazione agli immobili, per danni alle persone o alle case cagionati da fatto od omissione della Fondazione medesima o di suoi dipendenti o di imprese appaltatrici, tenendo percio sollevato ed indenne ii Comune da qualsiasi pretesa al riguardo.

La Fondazione stipulera idonea assicurazione contra gli incendi relativamente ai beni, attrezzature, arredi e quant'altro di proprieta della stessa mentre ii Comune provvedera ad assicurare contra gli incendi gli immobili concessi in uso, le loro pertinenze, gli impianti e le attrezzature tecnologiche necessarie allo svolgimento dell'attivita della Fondazione.

La Fondazione, con effetti dalla data di decorrenza della convenzione, si obbliga a stipulare con primario assicuratore (e a mantenere in vigore per tutta la durata della presente convenzione, suoi rinnovi e proroghe) un'adeguata copertura assicurativa, contra i rischi di:

A)   Responsabilita Civile verso Terzi (RCT): per danni arrecati a terzi (tra cui ii Comune di Bologna) in conseguenza di un fatto verificatosi


 

in relazione all'attivita svolta, comprese tutte le operazioni di attivita inerenti, accessorie e complementari, nessuna esclusa ne eccettuata e con Rinuncia alla rivalsa nei confronti del Comune.

Tale copertura (RCT) dovra avere un massimale "unico" di garanzia non inferiore a Euro 10.000.000 per sinistro e prevedere tra le altre condizioni anche l'estensione a:

preparazione, somministrazione,  smercio di cibi e bevande; conduzione   dei   locali,  strutture   e   beni   loro   consegnati,  inclusa l'eventuale    concessione        dei   medesimi   a   terzi   per   utilizzi   quali convegni, riunioni, eventi e altri;

committenza di lavori e servizi;

 

organizzazione di convegni, congressi, manifestazioni culturali o altre;

danni a case in consegna e/o custodia, incluso guardaroba;

 

danni a case di terzi da incendio, esplosione o scoppio di beni del concessionario o da esso detenuti;

danni subiti da persone non in rapporto di dipendenza con la Fondazione, che partecipino all'attivita oggetto della concessione a qualsiasi titolo , inclusa la loro responsabilita personale;

danni arrecati a terzi (inclusi i beneficiari) (tra cui ii Comune di Bologna) da dipendenti, da soci, da volontari, collaboratori e/o da altre persone - anche non in rapporto di dipendenza con la Fondazione - che partecipino all'attivita oggetto della concessione a qualsiasi titolo, inclusa la loro responsabilita personale;

interruzioni o sospensionidi attivita industriali, commerciali, agricole,


 

artigianali o di servizio o da mancato uso a seguito di sinistro garantito in polizza;

B)    Responsabilita Civile verso Prestatori di Lavoro (RCO): per infortuni sofferti da Prestatori di lavoro addetti all'attivita svolta (inclusi soci, volontari e altri collaboratori o prestatori di lavoro, dipendenti e non, di cui la Fondazione si avvalga), comprese tutte le operazioni di attivita inerenti, accessorie e complementari, nessuna esclusa ne eccettuata.

Tale copertura dovra avere un massimale "unico" di garanzia non inferiore a Euro 5.000.000 per sinistro e Euro 1.500.000 per persona, e prevedere, tra le altre condizioni, anche l'estensione al cosiddetto "Danna Biologico", l'estensione ai danni non rientranti nella disciplina

!NAIL, le malattie professionali e la "Clausola di Buona Fede INAIL". In caso di concessione  a terzi (anche per brevi periodi) dell'uso e/o conduzione di spazi e/o attrezzature,  cosi come in caso di attivita  in essi  svolte  da terzi, anche  solo  temporaneamente  (es.:  catering  o simili),   la   Fondazione   si   impegna      a   richiedere   a   tali  terzi                             di provvedere  alla stipula di copertura  RCT avente requisiti analoghi a quelli di cui sopra.

C)     lncendio e rischi accessori per i beni di proprieta della Fondazione: La Fondazione si impegna a stipulare propria polizza incendio e rischi accessori per danni a beni di proprieta della Fondazione stessa o da essa tenuti in uso, consegna o simili per il valore totale di ricostruzione o rifacimento a nuovo dei beni medesimi, compresa la garanzia "Ricorso Terzi" (per quest'ultima per


 

un massimale non inferiore a Euro 3 milioni), comprendendo altresi una clausola di rinuncia (salvo ii caso di dolo) al diritto di surroga dell'Assicuratore (di cui all'art. 1916 CC) nei confronti del Comune (e suoi collaboratori) per quanta risarcito ai sensi della polizza stessa.

D)   lncendio e rischi accessori per danni arrecati ai locali, strutture, mobili e altri beni datigli in concessione dal Comune: i beni di proprieta del Comune o da esso comunque messi a disposizione per la presente concessione sono assicurati a cura del Comune stesso contro i rischi di incendio, fulmine, esplosione, scoppio, e altri rischi accessori e ii Comune si impegna nell'ambito di tale polizza ad attivare una clausola di rinuncia (salvo ii caso di dolo) al diritto di surroga dell'assicuratore (di cui all'art. 1916 C.C.) nei confronti della Fondazione per quanto risarcito ai sensi della polizza stessa.

II concessionario a sua volta rinuncia a qualsiasi azione di rivalsa nei confronti del concedente per danni a beni di proprieta del Concessionario stesso, da esso tenuti in uso, consegna o comunque nelle proprie disponibilita

L'operativita o meno delle coperture assicurative tutte, cosi come l'eventuale loro inesistenza o inoperativita di polizze RCO e RCO dei terzi cui la Fondazione abbia concesso l'uso di spazi e/o attrezzature come sopra e/o l'eventuale approvazione espressa del Comune sull'assicuratore prescelto dalla Fondazione - che inviera copia delle polizze al Settore Cultura e rapporti con l'Universita- non esonerano la Fondazione stesso dalle responsabilita di qualunque genere su di esso incombenti ne dal rispondere di quanto non coperto - in tutto o


 

in parte - dalle suddette coperture assicurative.

 

II Comune sara tenuto indenne de1 dannieventualmente non garantiti in tutto o in parte dalle coperture assicurative stipulate dalla Fondazione o da quelle stipulate dai terzi cui la Fondazione abbia concesso l'uso di spazi e/o attrezzature .

II Comune e altresi esonerato da responsabilita in caso d'interruzione

 

dei servizi per cause indipendenti alla sua volonta. Nessun diritto a compensi e indennizzi spettera al concessionario per gli eventuali danni e disagi che gli potessero derivare in conseguenza di lavori che venissero eseguiti negli immobili ovvero nelle vie e/o piazze adiacenti ai beni concessi in comodato.

ART. 10 - REGISTRAZIONE E FORO

 

Tutte le spese relative alla presente convenzione sono a carico della Fondazione. La presente convenzione sara registrata in caso d'uso a cura e spese della Fondazione.

In caso di controversie tra le parti relative alla presente convenzione ,

e competente ii Fora di Bologna.

 

Letta, approvato e sottoscritto

Bologna, - 2 A PR. 2019

(\

Per ii Comune di Bologna                               \ I